TACTICAL LEADERSHIP PROGRAMME COURSE 2014-1

Venerdì 07 Febbraio, presso il Tactical Leadership Programme (TLP) di Albacete (Spagna), si è concluso il Flying Course 2014-1, cui hanno preso parte personale e assetti provenienti da sette Nazioni (Italia, Spagna, Francia, Olanda, Portogallo, Germania e Stati Uniti) e due velivoli AWACS (Airborne Warning And Control System), un E3A della NATO e un E3F francese, per un totale di 45 velivoli fra “Blue Air”, “Red Air” e assetti di supporto. 
L’Aeronautica Militare ha partecipato al corso, iniziato lunedì 13 Gennaio, con quattro Eurofighter del 4º Stormo di Grosseto e del 37º Stormo di Trapani, due Tornado ECR del 50º Stormo di Piacenza, due Tornado IDS del 6º Stormo di Ghedi, due AMX del 51º Stormo di Istrana, un tanker KC-767A del 14º Stormo di Pratica di Mare come assetto di supporto durante le missioni di rifornimento in volo, due AB-212 del 9º Stormo di Grazzanise  e un gruppo di aerosoccorritori in qualità di “extraction team”, composto di personale proveniente dal 9º Stormo e dal 15º Stormo di Cervia, nell’ambito delle missioni di CSAR (Combat Search and Rescue), un ufficiale Intelligence del 50º Stormo, un controllore d’intercettazione del Gruppo Riporto e Controllo Difesa Aerea di Poggio Renatico e personale del ReSTOGE (Reparto Supporto Tecnico Operativo alla Guerra Elettronica) di Pratica di Mare. 
I risultati conseguiti sono stati eccellenti, sia in termini di sortite volate che di obiettivi addestrativi raggiunti. Fra gli aspetti di maggior interesse che hanno contraddistinto il corso di volo 2014-1 è doveroso menzionare l’efficace utilizzo del Link16 da parte del KC767A durante le operazioni di rifornimento in volo. La possibilità di entrare in rete con un così alto numero di velivoli e di condividere informazioni quali, ad esempio, il PPLI (Precise Participant Location and Identification) costituisce un elemento imprescindibile nella costruzione dell’ Air Picture, tanto per gli assetti in volo che per le agenzie di controllo a terra. Da evidenziare inoltre l’impiego, con eccellenti risultati, del pod da ricognizione da parte degli AMX e dei Tornado.
Gli equipaggi e il personale di supporto sono stati impegnati, per le quattro settimane di corso, nella pianificazione, condotta ed esecuzione di COMAO (Composite Air Operations – Operazioni Aeree Congiunte) sulla base di scenari che hanno simulato i differenti contesti in cui il potere aereo può essere impiegato. Il livello di sfida con cui i partecipanti si sono confrontati è stato elevato considerata la presenza di numerosi velivoli in qualità di “aggressors”, quali 2 F15 americani, 2 F18 spagnoli, 2 Eurofighter spagnoli, 2 Eurofighter italiani, 2 Alphajet francesi, nonché un DA20 spagnolo e quattro elicotteri (1 Caracal e 1 Puma e 2 AB212).  
Anche per il corso di volo 2014-1 i partecipanti hanno beneficiato dell’utilizzo delle workstation Link-16 messe a disposizione dalla forza aerea spagnola, dotate di complesse capacità di simulazione e in grado di presentare una completa “air picture”. Le capacità di RTMS (Real Time Monitoring System) che il sistema spagnolo è in grado di supportare consentono al personale istruttore del TLP di presentare missioni molto complesse e stimolanti, interagire in tempo reale, adattando lo scenario con adeguati “injects” al fine di massimizzare i “learning objectives”, nonché di monitorare l’esecuzione dell’attività pianificata esercitando alcune funzioni di comando e controllo.
Fonte: T. Col. Marco Mastroberti

ALLIEVI PEGASO V IN VISITA AL 4° STORMO

Il 4 febbraio venticinque frequentatori del Corso Pegaso V dell’ Accademia Militare Aeronautica sono in visita al 4°Stormo. Accolti dal comandante Col. Spuntoni, gli accademisti assitono dapprima al breafing quindi si recano al GEA, al IX Gruppo e al 20° dopve hanno modo di provare il simulatore di volo dell’Eurofighter.

VISITA PREFETTO GROSSETO

Il 18 febbraio 2014 il prefetto di Grosseto Dott.ssa Anna Maria Manzone, è in visita al 4°Stormo.

(arc. Lab.foto 4°Stormo-Visite istituzionali)

VISITA DELEGAZIONE AUSTRIACA

Mercoledì 26 febbraio una delegazione militare e civile delle Forze Armate austriache guidata dal Brigadier Generale Karl Gruber è in visita al 4°Stormo. ((dal 2007 l’aeronautica austriaca ha in dotazione l’Eurofighter)

EUROFIGHTER ROYAL AIR FORCE

Giovedi 13 marzo tre Eurofighter della Royal Air Force provenienti da Akrotiri (Isola di Cipro), dopo aver effettuato il rifornimento di carburante presso il Distretto aeroportuale di Brindisi, fanno tappa per uno scalo tecnico a Grosseto per poi ripartire verso la propria Base a Coningsby (Gran Bretagna)

VISITA ALLIEVI MARESCIALLI

Il 24 marzo venti allievi marescialli del 2° anno del Corso Sirrush (drago tratto dalla mitologia babilonese, rappresentato sulla porta di Ishtar quale minaccioso custode garantisce l’accesso a Babilonia), sono  al 84°Stormo per una visita di istruzione. Al termine dell’ incontro gli allievi consegnano al Col. Spuntoni il crest del corso Sirrush.

VISITA UFFICIALI INTERFORZE

Il 27 marzo 2014 trenta ufficiali superiori delle diverse Forze Armate italiane e straniere con alcuni civili del 16° Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze dell’ Università Roma Tre, sono in visita di studio al 4°Stormo.

CANONIZZAZIONE PAPA WOJTYLA

Il 27 aprile 2014 per la canonizzazione di Papa Wojtyla e Papa Roncalli, gli Eurofighter del 4° Stormo garantiscono la sorveglianza dello Spazio Aereo di tutta l’area della capitale garantendo con altri due velivoli in allarme, la prontezza operativa per il servizio di sorveglianza nazionale. Per aumentare la durata della sorveglianza, quindi l’autonomia degli Eurofighter, viene utilizzato un Boeing KC767A tanker del 14° Stormo di Pratica di Mare.

VISITA GOVERNATORE TOSCANA

Il 2 maggio e’ in visita al  4°Stormo il Governatore della Regione Toscana dott. Enrico Rossi accompagnato dal Presidente della provincia di Grosseto e dal sindaco dott. Emilio Bonifazi.

ESERCITAZIONE JAWTEX 2014

L’Aeronautica Militare partecipa in questi giorni in Germania con tredici velivoli e circa duecento militari – tra piloti, specialisti e personale addetto al supporto logistico e operativo – ad una delle più importanti esercitazioni aeree del 2014 a livello europeo, la JAWTEX (Joint Air Warfare Tactical Exercise), organizzata dalle forze armate tedesche per promuovere l’addestramento a livello multinazionale nella pianificazione e condotta di operazioni militari integrate tra forze aeree, terrestri e navali. 
L’evento, la cui organizzazione è partita circa un anno fa, coinvolge otto diverse basi aeree tedesche, oltre 4500 militari di undici diverse Nazioni (Germania, Italia, Finlandia, Grecia, Ungheria, Olanda, Slovenia, Turchia, Cecoslovacchia, più Austria e Svizzera come osservatori), un aereo-radar Awacs della NATO e un centinaio di velivoli tra caccia, elicotteri e aerei da trasporto e da rifornimento in volo. Partecipano all’esercitazione anche due fregate della marina militare tedesca, dislocate nel Mare del Nord, nonché truppe, mezzi terrestri e diversi sistemi di difesa contra-aerea posizionati in vari punti sul territorio.
Nell’esercitazione, che terminerà il prossimo 23 maggio, si simula un intervento a guida NATO in area di crisi (CRO – Crisis Response Operation), un’opportunità per le Nazioni  partecipanti per mettere a frutto le lezioni apprese nelle recenti operazioni aeree, nonché per migliorare il livello di standardizzazione ed interoperabilità con gli altri partners alleati.
Tra le tipologie di missione effettuate, la difesa di una porzione di spazio aereo (esempio per il mantenimento di una cosiddetta ‘no fly zone’), il supporto ravvicinato alle truppe e alle unità navali, l’attacco e l’interdizione di difese aeree nemiche e di obiettivi sul terreno, le attività di intelligence, ricognizione e sorveglianza (ISR), le operazioni con le forze speciali o di supporto, come ad esempio la ricerca e il recupero di equipaggi in territorio ostile.
 Quattro caccia Tornado ECR (Electronic Combat Reconnaissance) del 50° Stormo di Piacenza – la versione specializzata nella scoperta e soppressione delle difese aeree nemiche di cui solo l’Aeronautica Militare e la stessa Luftwaffe sono al momento dotati in ambito europeo – e tre AMX del 51° Stormo di Istrana sono schierati a Schleswig-Jagel, base situata nel nord della Germania, quasi al confine con la Danimarca; sulla stessa base, quella con più velivoli stranieri schierati, stanno operando anche gli F-18 finlandesi, gli F-16 greci, i Gripen ungheresi, gli F-16 olandesi e i PC-9 sloveni. 
Una cellula di sei Eurofighter provenienti dal 4° Stormo di Grosseto, dal 36° Stormo di Gioia del Colle e dal 37° Stormo di Trapani Birgi è invece dislocata sulla base di Laage, a nord-est, circa duecento chilometri dal confine con la Polonia, una delle basi Eurofighter della German Air Force. “In questa base ci sentiamo come a casa“, racconta uno dei piloti F2000 italiani. “Stesso aereo, procedure standardizzate, lavoriamo con i colleghi stranieri come fossero dello stesso nostro gruppo di volo: questo è il futuro, meno costi e più efficienza“.
Fonte UGCOM Roma

UDIENZA GENERALE IN PIAZZA SAN PIETRO

Martedì 4 giugno 2014 una rappresentanza del personale del 4°Stormo con le famiglie, partecipa a Roma all’Udienza Generale  di Papa Francesco. Al Santo Padre viene donato il crest dello stormo e il cavallino rampante. 

ESERCITAZIONE AWTI 2014
12 giugno – 3 luglio 2014

Più di 40 Eurofighter appartenenti alle forze aeree di Italia, Germania e Austria sono rischierati sulla Base Aerea di Decimomannu per l’esercitazione AWTI ( Air Weapons Training Installation ), istituita 55 anni fa dalla partnership NATO di Italia, Germania , Gran Bretagna e Canada. L’ Aeronautica militare Italiana impiega  tredici Typhoon del 4 °, 36 °e 37° Stormo .

VERTICE IN MUNICIPIO

Martedi 8 luglio in vista dell’avvicendamento al Comando Stormo, si tiene al comune di Grosseto un vertice tra il Comandante uscente Col. pil. Spuntoni, quello subentrante Col. pil. Pederzolli e il sindaco Bonifazi. 

CAMBIO COMANDO  20°GRUPPO 
18 luglio 2014 il T. Col. Pil. Massarotto Roberto cede il Comando del Gruppo al MAGG. Pil. DONATI DANIELE

Cambio in volo (arc. Lab.foto 4°Stormo-20°Gr.)
Il Col. Spuntoni con il Comandante uscente ( a ds ) ed il Comandante subentrante (a sin.)

CAMBIO COMANDO 4° STORMO

21 luglio 2014 il Col. Luca Spuntoni cede il Comando del 4°Stormo al COL. PIL. ENRICO PEDERZOLLI

69 COL ENRICO PEDERZOLLI 21/07/2014 – 06/09/2016

VISITA DEL LT GEN. SCHELLENBERG

Il 22 luglio, il Lt.Gen. Aldo C. Schellenberg Comandante delle  Forces Aériennes Suisses, accompagnato dal Gen.S.A. Maurizio Lodovisi e’ in visita al 4° Stormo di Grosseto. 

EUROFIGHTER ALA 14

Il 23 luglio 2014 quattro EF2000 dell’Ala 14, con sede ad Albacete atterrano sull’aeroporto di Grosseto per ripartire il giorno dopo 24 luglio.

(Foto-arc.Kiewick)

ESERCITAZIONE DI SOPRAVVIVENZA

Il 27 agosto nella zona marina antistante il Distaccamento Straordinario del 4° Stormo a Marina di Grosseto si svolge l’Esercitazione i sopravvivenza e recupero in mare di piloti. Vengono effettuati aviolanci con paracadute simulanti l’impatto con l’acqua e successivo recupero con verricello effettuato da un elicottero HH139 dell’85° C./S.A.R. di Pratica di Mare , recupero di persone traumatizzate in mare con mezzi marini del Nucleo Sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Grosseto e la collaborazione della CRI e dei responsabili dell’elicottero Pegaso 118 dell’Ospedale Civile di Grosseto.

CAMBIO COMANDO IX GRUPPO 
4 settembre 2014 il T.Col. Daniele Mastroberti cede il Comando del Gruppo al T. COL. STEFANO SPREAFICO (EF-2000)

Da sinistra: T.Col. Stefano Spreafico, Col. Pederzolli, T.Col. Daniele Mastroberti (arc. Lab. Foto 4°Stormo-IX Gruppo))

Durante la cerimonia si e’ tenuto un minuto di silenzio per i Caduti della Forza Armata, in particolare per i piloti del 6° Stormo scomparsi nell’incidente di volo del 19 agosto 2014.

SCRAMBLE

Il 4 settembre 2014 un velivolo di linea, con tratta Lamezia Terme-Orio al Serio, ha fatto scattare l’allarme di “scramble” a seguito di un sospetto dirottamento con minaccia di ordigno a bordo, chiamato in gergo tecnico “RENEGADE”. Alle ore 22.14, il CAOC-TJ (Combined Air Operation Center di Torrejon) agenzia NATO responsabile di settore, ha ordinato lo “scramble”. I due caccia Eurofighter partiti dall’aeroporto di Grosseto in pochissimi minuti, sotto il controllo dei radar della difesa aerea assicurata dall’Aeronautica Militare, hanno eseguito la procedura di intercettazione in contatto con l’Autorità Governativa Nazionale (NGA). Una volta verificato l’atterraggio in sicurezza del velivolo di linea da parte dell’NGA, è stato comunicato l’ordine di rientro alla base per i due Eurofighter del 4° Stormo.  

SCRAMBLE

Il 14 settembre 2014 due caccia Eurofighter dell’Aeronautica Militare sono decollati poco dopo le 13.30, dalla base aerea di Grosseto per intercettare un Airbus 320 della compagnia aerea libanese “Middle East Airlines” in volo da Ginevra a Beirut con un bagaglio sospetto a bordo. I due caccia, in prontezza a terra per il servizio di difesa dello spazio aereo nazionale, hanno raggiunto il velivolo civile dopo pochissimi minuti, scortandolo – come previsto dalle procedure di sicurezza nazionale – sull’aeroporto di Fiumicino, per le verifiche del caso. L’ordine di decollo è partito dal NATO Combined Air Operation Center di Torrejon, in Spagna, ed è stato poi gestito dal Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico (Ferrara) in coordinamento con i centri di controllo radar interessati sul territorio nazionale. Sull’intervento dei due caccia è intervenuto il Ministro della Difesa Roberta Pinotti: “Voglio ringraziare l’Aeronautica Militare perché ancora una volta ha dimostrato che esiste un sistema di difesa in questo paese”.

TACTICAL LEADERSHIP PROGRAMME COURSE 2014-5

Dal 15 settembre al 10 ottobre 2014 due Eurofighter del 4°, due del 36° e due del 37°Stormo con due AMX del 51°assieme ad  un controllore d’intercettazione del Gruppo Riporto e Controllo Difesa Aerea di Licola ed un Ufficiale Intelligence del 51º Stormo sono ad Albacete Spagna, impegnati nell’esercitazione Flying Course 2014-5  presso il Tactical Leadership Programme (TLP). Oltre all’Italia vi partecipano Spagna, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Repubblica Ceca e Turchia.

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “QUELLI DEL QUARTO”

Il 18 e 19 settembre 2014 il comandante Col. Pederzolli è a Gorizia per la presentazione del libro “Quelli del Quarto” prodotto dall’ Associazione Culturale 4° Stormo Gorizia.
Accompagnano il comandante il T.Col. Spreafico, il T.Col. Andolfi e il Lt. Fiorillo

(arc.Associazione)

VISITA MINISTRO DELLA DIFESA ON. PINOTTI

ll 29 settembre il Ministro della Difesa On. Roberta Pinotti e’ a Grosseto per la visita alle tre realta’ militari presenti in citta’: il 3°Reggimento Savoia Cavalleria, il Centro Veterinario Militare dell’Esercito e il 4°Stormo dove e’ accolta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Gen.S.A. Pasquale Preziosa e dal Comandante Col. Enrico Pederzolli.

SCRAMBLE

Il 7 ottobre 2014 un elicottero al largo di Ponza ha fatto scattare l’allarme di “scramble” a causa di mancata identificazione. Partiti in pochissimi minuti dall’aeroporto di Grosseto, i due caccia Eurofighter, in costante contatto radio con i radar della difesa aerea assicurata dall’Aeronautica Militare, sono passati sotto controllo dell’Autorità Governativa Nazionale (NGA). L’intercettazione è stata effettuata nel tratto di mare tra la SARDEGNA e la CAMPANIA a bassa velocità alla quota di 500 metri. Raggiunto il velivolo è stata effettuata l’identificazione visiva e stabilito un contatto radio. L’NGA, dopo aver accertato l’assenza di una minaccia alla sicurezza Nazionale, ha dato l’ordine di rientro alla base.

CERIMONIA MONUMENTO AVIATORI MAREMMANI

Il 9 ottobre presso il Monumento agli Aviatori maremmani alla presenza del Comandante Col. Pederzolli, del sindaco di Grosseto e delle Associazioni d’Arma si svolge la cerimonia in ricordo dei Caduti dell’aria nell’adempimento del proprio dovere.

SCRAMBLE

Il 17 ottobre 2014 un Boeing 787 “Dreamliner” dall’Air India, con tratta Delhi-Roma, ha fatto scattare l’allarme di “scramble” dopo essere entrato nello spazio aereo nazionale senza autorizzazione da parte degli enti del controllo spazio aereo. L’evento ha attivato il sistema di difesa aerea avviando la procedura di decollo rapido di due caccia Eurofighter dell’Aeronautica Militare. Alle ore 18:26, l’Autorità Governativa Nazionale, ha ordinato il decollo immediato di due velivoli caccia intercettori in servizio di allarme sul territorio nazionale. I due Eurofighter partiti dall’aeroporto del 4° Stormo di Grosseto in pochissimi minuti, sotto il controllo dei radar della difesa aerea assicurata dall’Aeronautica Militare, hanno eseguito la procedura di intercettazione, effettuata con un profilo di volo subsonico a circa 8000 mt (alta quota), nei cieli di Frosinone. Il velivolo di linea è stato identificato senza palesare la presenza dei due caccia, al fine di evitare l’eventuale preoccupazione dei passeggeri. A 30 km dall’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino, l’Autorità Governativa Nazionale, verificata l’assenza di pericoli per la sicurezza, ha comunicato l’ordine di rientro alla base per i due Eurofighter dell’Aeronautica Militare.

ESERCITAZIONE CIRCAETE 2014

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

Il 28 ottobre prende il via dal comando operazioni aeree di Poggio Renatico, in provincia di Ferrara, l’edizione 2014 della “Circaete”, esercitazione multinazionale di difesa aerea che viene organizzata periodicamente nell’ambito della cosiddetta “Iniziativa 5+5”, accordo che dal 2004 vede impegnati i Paesi del bacino mediterraneo occidentale a promuovere la collaborazione su temi di sicurezza e difesa comune.
L’evento, quest’anno a guida italiana, è organizzato e gestito dall’aeronautica militare e vede coinvolti velivoli e personale di altre sette nazioni: Algeria, Francia, Libia, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia.
L’esercitazione ha l’obiettivo di promuovere l’adozione di procedure comuni e  far addestrare in maniera congiunta i comandi responsabili – nei paesi coinvolti – delle operazioni aeree, le relative strutture di comando e controllo e sorveglianza radar, nonché i piloti e il personale delle basi della difesa aerea nella gestione di casi cosiddetti “Renegade”, ovvero di aerei civili in arrivo o transito nello spazio aereo nazionale la cui condotta sia potenzialmente pericolosa per la sicurezza nazionale in quanto riconducibile ad una possibile azione terroristica.
L’aeronautica militare, responsabile della pianificazione, direzione e condotta dell’evento, partecipa con diversi assetti: dal comando operazioni aeree di Poggio Renatico (Ferrara), dove oltre al personale AM saranno presenti i delegati delle nazioni partecipanti, verrà diretta e coordinata l’intera esercitazione alle tre basi della difesa aerea nazionale – il 4° Stormo di Grosseto, il 36° Stormo di Gioia del Colle (BA) ed il 37° Stormo di Trapani – che saranno pronte a far decollare le proprie coppie di caccia intercettori Eurofighter in pochissimi minuti dall’ordine di “scramble”, ossia di decollo immediato su allarme, per intercettare e scortare fuori dai confini nazionali o su uno scalo designato il velivolo sospetto. Uno dei velivoli da trasporto che nell’ambito dell’esercitazione simulerà di essere un “Renegade” sarà un velivolo del 31° Stormo dell’aeronautica militare di Roma Ciampino, che nello scenario assegnato attraverserà gli spazi aerei di Italia, Francia, Libia e Tunisia per poi fare rientro alla base. Tutte le attività in volo saranno condotte all’interno di specifiche aree e rotte di addestramento, coordinate in fase di pianificazione con i paesi partecipanti e con gli enti civili del controllo del traffico aereo.

AIR POLICING 2014

Il 28 dicembre 2014 nell’ambito della partecipazione italiana alla missione di Air Policing 2014 sulle Repubbliche Baltiche di Estonia, Lettonia e Lituania, Eurofighter del 4°, 36°e 37°Stormo vengono rischierati sulla base di Siauliai in Lituania.

(Foto-arc. Aviation Report1)