Gino Baron Castelfranco Veneto 10/7/1917 – Udine 6/2/1988

Bar006 Gino Baron (arc.Baron)

Gino Baron e’ uno dei leggendari piloti dei cieli dell’Africa Orientale, gregario di Mario Visintini nella 412^ Squadriglia Caccia (“affiliata” al 4° Stormo). Per le sue imprese, 20 apparecchi abbattuti di cui 10 individuali e 10 in collaborazione, ha ottenuto in tutto una medaglia d’argento e una di bronzo. Un po’ poco, per chi, come Baron, ha all’attivo 2 Blenheim abbattuti con una sola raffica. Purtroppo di lui non e’ disponibile documentazione fotografica, non amava parlare della sua vita aviatoria e tantomeno conservare ricordi.

da: “Storia Illustrata” –  Aprile 1978

Gino Baron è uno dei leggendari piloti che combatterono sui cieli dell’Africa Orientale. Allora era gregario di Mario Visintini nella 412^ Squadriglia Caccia 
(“affiliata” al 4° Stormo), comandata dal capitano Antonio Raffi. E’ nato nel 1917 a Castelfranco Veneto ed e’ stato istruttore all’Aero Club di Gorizia dal 1970, quando Chianese ha lasciato l’incarico. Due terzi della sua vita li ha passati sugli aerei. La sua 412a Squadriglia, con la 410a (cap. Corrado Ricci), la 411a (cap. Vincenzo Lucertini) e la 413a (cap. Corrado Santoro), costituiva lo scudo protettivo dell’Impero Italiano in Africa Orientale. Uno scudo molto piccolo, per non dire inconsistente, considerata l’immensa vastita’ del territorio da controllare. Questa palese inferiorita’ non scoraggio’ i nostri cacciatori almeno fino a quando funziono’ il ponte-aereo con l’Italia. Quando cesso’ l’afflusso dei rifornimenti ci fu il crollo. Nel frattempo si erano viste cose incredibili: i nostri piloti, Osvaldo Bartolozzi, Luciano Cacciavillani, Guglielmo Folcherio, Antonio Giardina’, Enzo Omiccioli (7 aerei abbattuti individualmente), Alberto Veronese, per ricordare solo alcuni nomi, erano riusciti nel miracolo della moltiplicazione dei pochi CR32 e dei CR42, una sessantina in tutto, che avevano avuto in consegna. Sembravano quattro Stormi, invece erano quattro minuscole Squadriglie. Il capitano Corrado Ricci (oggi generale in pensione) quando riusci’ con il suo asmatico CR32 ad abbattere il primo Blenheim, costringendolo ad atterrare, non credeva ai propri occhi. Per festeggiare la sua vittoria pulita, ai punti, si esibi’ in un rituale tonneau sulle baracche della sua base. Alcuni mesi dopo si verifica un combattimento fra alcuni Hurricane e i nostri superstiti caccia. Precipita subito un CR42, ma il nostro pilota riesce a lanciarsi con il paracadute. “Mentre scende”, ricorda Ricci, “dondolando appeso all’ombrello, un Hurricane, guidato da un sudafricano, gli si butta addosso mitraghiandolo. Così viene ucciso il tenente Bruno Caldonazzi, uscito incolume dal suo velivolo in fiamme”. L’Asso degli Assi dell’Africa Orientale fu Visintini. Al cimitero di Asmara sulla sua tomba era scritto che aveva conseguito 17 vittorie. La prima, contro un bombardiere, l’ottenne con Baron. Visintini, che il 12 dicembre 1940 con il proprio CR42 aveva recuperato Raffi finito con il suo aereo in zona nemica, l’11 febbraio 1941, dopo uno scontro sul cielo di Cheren, corse in aiuto di Baron che, a causa del cattivo tempo, era stato costretto ad atterrare a Sabarguma fra Massaua e Asmara. Baron, pero’ aveva gia’ avvertito il Comando che le condizioni atmosferiche erano proibitive. Ma Visintini, preoccupato che potesse andare perduto un prezioso aereo, riparti’ subito dall’Asmara alla ricerca del fido Baron. Purtroppo la nebbia lo tradi’ facendolo disorientare. Visintini, l’aquila italiana dell’Africa Orientale, mori’ schiantandosi contro il monte Nefasit. 
Dopo un mese, Baron, a sua volta, rimase chiuso in trappola, fra tre Hurricane, sul solito cielo di Cheren. Fu colpito da tre proiettili. Due non gravi, il terzo, invece, gli fece letteralmente scoppiare il polpaccio della gamba sinistra. Baron carico’ allora l’avversario, trascinandolo con se’ nella caduta. Ma fortunosamente si salvo’ con il paracadute. L’inglese, invece, rimase ucciso. Per due anni Baron passo’ da ospedale in ospedale, poi ebbe l’occasione di imbarcarsi su una nave adibita al rimpatrio dei civili, la Duilio. Dopo due mesi di navigazione sbarco’ in Italia. Nessuno lo conosceva, nessuno sapeva di lui. Per le sue imprese, 20 apparecchi abbattuti di cui 10 individuali e 10 in collaborazione, ha ottenuto in tutto una medaglia d’argento e una di bronzo. Veramente un po’ poco, per chi, come Baron, aveva all’attivo 2 Blenheim abbattuti con una sola raffica.

AFRICA ORIENTALE ITALIANA

Bar202 A.O.I. Gino Baron a destra (arc.Baron)
Bar203 A.O.I. Baron in piedi con la mano in tasca (arc.Baron)
Bar 201 Africa Orientale Italiana (A.O.I.), la dedica dell’ amico Angelo Barbieri (arc.Baron)
Bar205 A.O.I. (arc.Baron)
Bar205n A.O.I. dedica di un amico (arc.Baron)
Bar206 A.O.I. Fiat C.R. 42 in volo (arc.Baron)
Bar214 A.O.I. Fiat C.R. 42 in volo (arc.Baron)
Bar207 A.O.I. particolare del muso di un C.R. 42 (arc.Baron)
Bar208 A.O.I. Gino Baron in alto a destra (arc.Baron)
Bar209a A.O.I. Baron al posto di pilotaggio di un C.R. 42 (arc.Baron)
Bar209b come 209a con dedica (arc.Baron)
Bar213 A.O.I. Asmara 2/8/1940. Ruggero (arc.Baron)
Bar213n Asmara 2/8/1940 dedica di Ruggero ad un’ amica (arc.Baron)
Bar 204 Gino Baron (arc.Baron)
Bar215 A.O.I. (arc.Baron)
Bar210 Ser. Pil. Gastone Simonetto (arc.Baron)
Gastone Simonetto alla sua mamma (arc.Baron)
Bar211 Gorizia 193? Serg.Pil. Gastone Simonetto (arc.Baron)
Bar002 Lecce anni ’50, velivolo T – 6J della Scuola di volo 2°Periodo (arc.Baron)
Bar003 Lecce anni ’50, velivolo T – 6J della Scuola di volo 2°Periodo (arc.Baron)
Bar009 Lecce anni ’50, velivolo T – 6J della Scuola di volo 2°Periodo (arc.Baron)
Bar011 Lecce anni ’50, T – 6J della Scuola di volo 2°Periodo in formazione (arc.Baron)
Bar012 Lecce anni ’50, T – 6J della Scuola di volo 2°Periodo in formazione (arc.Baron)
Bar010 Lecce anni ’50, coppia di T – 6J della Scuola di volo 2°Periodo (arc.Baron)
Bar004 Lecce anni ’50, Baron 3° da sinistra, Chianese 6° da sinistra (arc.Baron)
Bar005 Lecce ?, velivolo G 59-4B in carico alla Scuola 3° Periodo. Sullo sfondo un Fairchild C-119J (arc.Baron)
Bar007 Lecce anni ’50, velivolo North American P-51D in forza alla Scuola 3° Periodo (arc.Baron)
Bar008 Lecce anni ’50, velivolo North American P-51D in forza alla Scuola 3° Periodo (arc.Baron)
Bar014 Lecce anni ’50, velivolo G 59-4B della Scuola 3° Periodo (arc.Baron)
Bar015 Capodichino, de Havilland D.H. 100 Vampire F.B. 52 (F.B. Mk. 5 nella RAF), prodotto in Italia su licenza da Fiat (106 esemplari) e Macchi (89). La Fiat produsse inoltre altri 32 esemplari per altre forze aeree NATO
Bar001 Gorizia primi anni ’70, ex palazzina Ufficiali 4° Stormo. In piedi: compagna Baron (2°), Baron (3°), Dario Nardini (4°), ing. Lodati (5°), Pinzani (7°), Enzo Pian con figlio Edoardo (8°), Strussiat (9°), aeromodellista … (10°). A terra: Macuk (1°), Ceudek (2°), Maccarini (3°).(arc.Baron)
Bar013 Gorizia anni ’70, Gino Baron davanti ad un Cessna F 150 dell’Aeroclub Gorizia (arc.Baron)