Renzo Agonigi nasce a Viareggio il 31 febbraio 1914. Consegue il brevetto di pilota civile, volontario, poco più che ventenne, viene ammesso alla Scuola Caccia di Aviano ed assegnato al 1° Stormo di Campoformido il 16 ottobre 1935. Formatosi il 6° Stormo ne entra a far parte il 24 gennaio 1936, e diventa un componente della Pattuglia Acrobatica dei ”Diavoli Rossi” che raccoglie successi in Italia e all’estero. Durante la guerra viene impiegato nei Balcani (meritandosi una Medaglia d’Argento), nella campagna di Russia e nel Mediterraneo fino all’armistizio. Il 22 agosto 1945 viene reintegrato nella Regia Aeronautica a disposizione della 3^ZAT, in attesa di reimpiego. La sua prematura e improvvisa morte lascera’ dietro se glorie e rimpianti, per quella giovane vita spentasi sul nascere. (Lucia Agonigi).

La figlia di Renzo Agonigi che vive nel ricordo del padre, ci ha fatto pervenire queste brevi note.

Nato a Viareggio il 21-2-1914
Nei volumi di Paolo Farina “le barche con le ali” e “le ali della pantera” di Giorgio Giorgi (da cui vengono tratte queste notizie), si parla di lui come “pilota abilissimo e valoroso”e come “bella figura di aviatore non solo viareggino ma di tutta l’aeronautica militare”.
Il corso per il volo a vela di Pavullo e poi all’aeroporto di Pisa per il brevetto di “pilota preliminare”gli servono da trampolino di lancio.
Arruolatosi poi come allievo sottufficiale il 2 aprile 1935, viene promosso subito sergente in quanto in possesso del brevetto di pilota civile di 1°grado ed inviato alla Scuola Caccia di Aviano dove il 12 luglio inizia il corso di specialita’.
Agonigi dimostra subito grandi qualita’di “cacciatore” e cosi’, appena terminata la scuola, viene assegnato al “nido delle aquile” di Campoformido presso il prestigioso 1°Stormo caccia. Il 15 gennaio a Campoformido viene costituito il 6° Stormo con piloti provenienti dal 1° e dal 4° Stormo e Agonigi entra a far parte di uno dei due gruppi, il 3°,equipaggiato con i maneggevoli CR 30 e 32. 
“Diavoli rossi” si chiameranno in onore dello stemma adottato dallo Stormo e saranno comandati dal Cap.Borzoni che scegliera’ degli autentici “manici” per il suo Stormo … e l’Agonigi sara’ uno di questi.
Trasferitosi a Gorizia il sottufficiale viareggino partecipa agli intensi allenamenti che precedono la prima uscita ufficiale, ricoprendo il ruolo di “1° gregario di sinistra”.
L’occasione arriva durante il Raduno Internazionale di Budapest che ha luogo il 20 giugno 1937, nel quale si esibiranno, insieme alle pattuglie del 4° e del 6° Stormo, team stranieri agguerritissimi . Quel giorno le due pattuglie, comandate dai Cap.Remondino e Borzoni e composte ciascuna da cinque CR32, si esibiscono prima insieme, poi separate, intercalandosi continuamente sul campo con figure splendide, poi il gran finale che si conclude con tre “chicche”: ”la bomba”, ”il volo folle” e l’atterraggio in formazione a doppio cuneo.
E’un trionfo! Seguono grandi festeggiamenti per i piloti.
Il mese dopo l’Agonigi e’ a Zurigo per i campionati mondiali di acrobazia collettiva e di nuovo le due pattuglie del 4° e 6’°Stormo daranno una suprema dimostrazione di classe e di tempismo. L’entusiasmo e’ tale che i piloti sono costretti a spengere i motori prima ancora di arrivare al parcheggio e questo per evitare di falciare la gente che, travolta ogni barriera, ha invaso il campo per poterli vedere e applaudire.
Nello stesso novembre 1937 Agonigi viene promosso Sergente Maggiore.
Viareggio lo ammira; in particolare le ragazze che subiscono il fascino suo e della divisa che a quel tempo, ancor piu’ di oggi, era molto sentito; ammirazione che raggiungeva il culmine quando, durante qualche trasferimento, si trovava a passare in volo sopra la sua citta’ e lui ne approfittava, con lo spirito baldanzoso del ventenne, per salutare la fidanzata e i parenti facendo delle figure acrobatiche. “E’ l’Agonigi”, diceva la gente che si recava  velocemente sulla spiaggia per vedere meglio lo spettacolo che terminava sempre col volo radente e col saluto della mano. Dai racconti, oggi a distanza di sessanta anni, di persone che hanno vissuto quel periodo si nota quanto questi piloti, temerari e un po’ folli, fossero ammirati (dalle donne…) e invidiati (dagli uomini…).
Il massimo splendore della pattuglia acrobatica viene raggiunto l’anno successivo, il 1938, quando per festeggiare il Cancelliere del 3° Reich, in visita nel nostro paese, viene preparata per la prima volta una super pattuglia di 28 CR32.
Si tratta delle formazioni del 1°, 3°, 4°, 6° Stormo rinforzate a sette elementi; quella del 6°, di cui l’Agonigi e’ ancora gregario di sinistra, assume la  non facile posizione di fanalino nella figura a rombo.
Gli allenamenti a Gorizia si protraggono sino a meta’ aprile. Dopo quel periodo i velivoli si trasferiscono all’aeroporto di Ciampino per partecipare alla manifestazione “H” in programma sul poligono laziale di Furbara.
E’ durante questo trasferimento (il 26 aprile) che Renzo Agonigi per poco non perde la vita in un incidente di volo; all’improvviso si “pianta” il motore ed il pilota, non potendo gettarsi col paracadute in quanto volava a quota troppo bassa, e’ costretto a tentare un atterraggio di fortuna sul greto del torrente Caprassina in provincia di Pesaro che si conclude con il capottamento del velivolo. Sara’ salvato dalla presenza di pastori in zona che ne scongiurano l’annegamento.
Scioccato ma intero prosegue il viaggio in treno e raggiunge i suoi compagni all’aeroporto di Ciampino dove l’8 maggio prende parte a quella che passera’ alla storia come “la piu’ grande manifestazione di potenza e di ardimento dell’aeronautica italiana coronata da un irripetibile looping di 28 CR32 in formazione.
Conclusi i trionfi romani, la pattuglia del 6°Stormo fa ritorno a Ravenna dove viene riorganizzata passando agli ordini del Cap. Ricci. Sempre in ala sinistra, Agonigi partecipa ad altre manifestazioni dei “Diavoli rossi” in programma da luglio ad ottobre sui campi di Firenze, Rimini, Falconara,Treviso, Ravenna e Venezia.
Ma con i primi venti minacciosi della guerra l’acrobazia viene usata in un altro modo non prima di aver concluso con una manifestazione in occasione del passaggio di comando alla divisione “Aquila”, concludendo in bellezza l’esaltante epoca degli anni 30 …
Primo dicembre 1939, a soli 25 anni, dopo tre encomi solenni, Renzo Agonigi viene promosso maresciallo di 3° classe.
Alla fine di maggio del 1940 si trasferisce con il 3° gruppo sull’aeroporto di Monserrato, in previsione delle imminenti operazioni belliche. Il 10 giugno, data di entrata in guerra, Agonigi partecipa alle crociere di vigilanza e alle partenze su allarme in difesa della citta’ e del porto di Cagliari. Nel dicembre dello stesso anno passa alla 359° squadriglia del 52° Stormo caccia terrestre sull’aeroporto di Ciampino sud dove effettua il passaggio sul nuovo caccia Macchi 200.
Con lo stesso reparto il 6 marzo 1941 si trasferisce sull’aeroporto di Tirana in Albania.
Il giorno 14 sostiene gia’ il primo combattimento contro gli Hurricanes ed i Gloster della Royal AirForce, mettendo subito a frutto le sue capacita’ acrobatiche.
Nel mese di luglio il reparto rientra a Padova  per avvicendamento, ma un nuovo impegno ancor piu’ gravoso lo attende poiche’ il Gruppo 22° e’ stato assegnato al corpo di spedizione italiano in Russia. Il lungo trasferimento si conclude il 12 agosto 1941 sul campo di Tudora nella zona di Odessa con l’arrivo dei Macchi 200 in forza al reparto. Dopo pochi mesi sul campo di Stalino, dove si sono trasferiti, li raggiunge il terribile inverno russo con le mille difficolta’, non per ultima quella di dover operare con velivoli privi di attrezzature per sopportare temperature cosi’ basse.
Ma cio’ non impedira’ ad Agonigi e compagni, nella “Battaglia di natale”, di abbattere 12 aerei nemici.
Nel marzo 1942, dopo sette mesi, finalmente il Gruppo puo’ essere avvicendato, facendo ritorno all’aeroporto di Ciampino.
Ma il 27 agosto,dopo due mesi di permanenza sull’aeroporto di Capodichino per riorganizzare il reparto, Agonigi ritorna in Albania. Giunto a Valona con la 371°squadriglia caccia terrestre, partecipa a nuove rischiose operazioni, che si concludono ai primi di novembre col rientro a Capodichino.
Qui potra’ prendere l’abilitazione su un nuovo caccia finalmente all’altezza dei tempi: il Macchi 202.
Renzo Agonigi intanto ha conseguito altri lusinghieri risultati: il 1° dicembre 1941 e’ diventato Maresciallo di 2°classe; ma soprattutto nel giugno ha ricevuto la Medaglia d’argento al valor militare per la sua attivita’ nei Balcani.
Questa la motivazione:
“Pilota da caccia abilissimo, gia’ distintosi precedentemente, partecipa con slancio ad una serie di attacchi a volo radente contro lontane basi aeree nemiche, vincendo difficolta’ di navigazione e forte reazione contraerea nei mitragliamenti condotti con audacia fin nel cuore del territorio avversario, infliggendo al nemico decisive e durissime perdite, riconfermando dote di cacciatore valoroso e aggressivo.Cielo di Grecia e di Jugoslavia, Marzo-Aprile1941”.
Ed e’ proprio per queste doti che nel gennaio del 1943 viene ammesso al 16° Corso di integrazione per la nomina di Sottotenente in S.P.E. presso la Regia Accademia Aeronautica di Caserta, corso che per il precipitare degli eventi bellici non puo’ portare a termine.
Il 23 aprile deve raggiungere la 394° squadriglia del 160° Gruppo C.T. sul campo di Metato-Pisa e da li’ con il reparto si trasferisce in Sardegna presso l’aeroporto di Venafiorita.
Sull’isola Agonigi prende l’abilitazione sull’ultimo caccia arrivato, il Reggiane 2001, iniziando ad operare sui cieli della Sardegna e della Corsica. Un secondo incidente di volo lo vedra’ ancora indenne.
Colpito da febbri malariche viene mandato in licenza a Viareggio … dove da li’ a poco lo raggiungera’ l’ammistizio.

La sua breve ed intensa vita si concludera’ molto presto e di lui non rimarranno che le eroiche gesta …

FOGLIO MATRICOLARE

Destinazioni e cambiamenti di Reparto
2 aprile 1935, distaccamento di Orvieto 
12 luglio 1935, ? Squadriglia Caccia di Aviano 
16 ottobre 1935, 1°Stormo Campoformido (Ud) 
24 gennaio 1936, ‘ Squadriglia Campoformido 
1 marzo 1936, ? Squadriglia C.T. Campoformido (Ud) 
12 settembre 1940, ? Orvieto 
17 dicembre 1940, 59^ (69^?) Squadriglia C.T. (da Ciampino sud all’Albania) 
5 marzo 1941, 57^Squadriglia C.T. 
7 marzo 1941, 59^Squadriglia C.T. Tirana (Albania) 
23 luglio 1941, 59^Squadriglia C.T. Padova 
12 luglio 1942, 71^Squadriglia C.T. Capodichino (Na) 
20 gennaio 1943, Accademia di Caserta 
27 aprile 1943, 394^Squadriglia C.T.

agn063: Pavullo (Mo) 8 luglio 1931. Agonigi diciassettenne, il primo volo sul bolide rosso.
agn030: Aviano 16 luglio 1935
agn048: Aviano 28 luglio 1935
agn069: Aviano 5 agosto 1935. Dopo il giuramento, Agonigi in seconda fila 2° da sinistra.
agn034: Aviano 5 agosto 1935. RenzoAgonigi
agn002: Aviano 29 agosto 1935. Aerei al traino
agn050: Aviano 29 agosto 1935
agn008: Aviano 6 agosto 1936. A destra Agonigi
agn032: Gorizia –Ottobre-1936 Looping della pattuglia acrobatica del 3° gruppo C.T.
agn025: Campoformido 4 dicembre 1936
agn053: Rimini –1937
agn014: Caprassino 1 aprile1937. Il velivolo incidentato sul letto del torrente Foglia
agn006: Gorizia 9 maggio 1937. Agonigi primo a sinistra
agn045: Budapest 18 giugno 1937
agn072: Budapest 20 giugno 1937
agn068: Budapest 20 giugno 1937. Agonigi in piedi 1° a destra
agn066: Budapest 20 giugno 1937
agn038: Zurigo 24 -31 luglio 1937. Agonigi primo a destra in piedi
agn027: Zurigo –1937 Agonigi col 4° e 6° stormo al Meeting di Zurigo
agn028: Gorizia –1937 Agonigi 3° gruppo C.T.153°-154°-155°squadriglia
agn052: Gorizia 28 agosto1937
agn054: Aeroporto di Gorizia 4 settembre 1937. S.A.R. Maria di Piemonte scende dall’aereo
agn044: Aeroporto di Gorizia 4 settembre 1937. S.A.R. Maria di Piemonte scende dall’aereo
agn075: Agonigi ….. nel cielo di Gorizia …
agn064: Gorizia, ancora acrobazie
agn036: Ravenna ottobre 1938
agn042: Ravenna ottobre 1938. Piloti della pattuglia acrobatica: Agonigi primo a destra
agn010: Luci e ombre sotto l’hangar
agn011: Canto di motori
agn019: Gorizia. Agonigi a destra
agn021: Gorizia. Agonigi seduto primo a destra in secondo piano
agn022: Gorizia. Agonigi seduto primo a destra in secondo piano
agn047: Aeroporto di Gorizia. Agonigi in piedi. Foto scattata sul tetto della palazzina sottufficiali
agn039: Campoformido Agonigi : formazione di gruppo 153°-154°-155° squadriglia. L’apparecchio di Agonigi è indicato dalla freccia
agn024: Stalino Russia –Febbraio –1941