VISITA DELEGAZIONE DEL CENTRO STORIOGRAFICO E SPORTIVO A.M.

Giovedì 24 gennaio una delegazione composta dal Comandante del Centro Storiografico e Sportivo A.M., Colonnello Giuseppe Lauriola assistito dal Comandante del Centro Sportivo Tenente Colonello Massimiliano Sodano e da alcuni tecnici, è in visita al 4° Stormo dell’Aeronautica Militare di Grosseto.
La visita ha luogo nelle zone operativa e logistica che ospitano da alcuni anni un folto gruppo di atleti corridori di medie e lunghe distanze, i quali trovano condizioni ideali di accoglienza, logistica e morfologia del territorio per condurre al meglio le attività pertinenti alla loro preparazione.

(arc.Lab.Foto 4°Stormo-Centro sportivo)

SCRAMBLE

Il 9 marzo 2019 poco dopo le 23:30, due caccia F-2000 Eurofighter dell’Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, sono decollati rapidamente dalla base aerea di Grosseto, sede del 4° Stormo, per intercettare un velivolo civile ATR-42 di nazionalità polacca che, sorvolando il territorio italiano sulla rotta Skopje-Lipsia, aveva interrotto le comunicazioni con gli Enti del controllo del traffico aereo.
Gli Eurofighter hanno intercettato velocemente il velivolo sul mare Adriatico e, come previsto dalle procedure, hanno verificato la situazione dell’aeromobile e si sono accertati che l’equipaggio avesse ripristinato i contatti radio con gli enti del traffico aereo. I due velivoli sono poi rientrati alla base per riprendere il servizio di prontezza.

TRIAL 2019
4 – 8 marzo 2019

Nella settimana dal 4 al 8 Marzo presso il 4° Stormo, è stata effettuata un’attività di Trial che ha visto la partecipazione di Ufficiali e Sottufficiali esperti nell’ambito della Guerra Elettronica e dell’integrazione fra sensori appartenenti al ReSTOGE e al Reparto Sperimentale di Volo, unitamente ai Weapon Instructor della linea F2000.
L’occasione è servita a mettere in pratica concretamente le risultanze di sperimentazioni teoriche attraverso il coinvolgimento delle diverse professionalità di settore. Nello specifico, è stato creato un “tavolo operativo” per l’elaborazione e l’ottimizzazione dei “Mission Data” del velivolo, ossia quell’insieme di dati indispensabili che devono essere caricati sui computer di bordo per portare a termine la missione che gli è stata assegnata.
Durante la settimana, si è tenuto anche un “tavolo tecnico” presieduto dal Colonnello Marco Bertoli, Capo Ufficio Difesa Aerea del Comando Forze di Combattimento. 
Nella circostanza, si è discusso della strategia di medio-lungo periodo della linea Eurofighter che ha visto il coinvolgimento dei Weapon Instructor, di rappresentanti dello Stato Maggiore Aeronautica, del ReSTOGE, del Reparto Sperimentale di Volo e del Air Warfare Centre del Comando Operazioni Aeree (IT- AWC). 
Nella stessa occasione sono stati illustrati i futuri programmi di sviluppo del velivolo F2000 e sono state discusse le necessità di Operational Testing and Evaluation della Linea, che coinvolgeranno anche il 20° Gruppo O.C.U. (uno dei Gruppi Volo del 4° Stormo) insieme al RSV relativamente al biennio 2019-2020.
La “Mission Data Week” ha portato al conseguimento di diversi risultati: dal perfezionamento dell’integrazione dei dati condivisi tra i sensori al fine di ottenere un’informazione sempre più puntuale e completa, all’acquisizione di un maggior grado di interoperabilità, predisponendo l’Eurofighter a lavorare in maniera sinergica con altri velivoli in dotazione alla Forza Armata, quali CAEW ed F35. 
Le missioni di volo, effettuate con velivoli Eurofighter del 4° e 36° Stormo, hanno coinvolto anche l’assetto CAEW ed il supporto logistico del Comando Operazioni Aeree e del ReGISCC.
Fonte Ten. Orsola Santoro

(arc. Lab.Fotografico 4°Stormo)

60° ANNIVERSARIO 12° GRUPPO

Il 12 marzo, presso il 4° Stormo si tiene il sessantennale della ricostituzione del XII Gruppo sull’Aeroporto di Grosseto. Era il 10 Marzo 1959 quando il XII Gruppo, equipaggiato con velivoli F-86, si trasferiva da Pratica di Mare a Grosseto, sede della 4^ Aerobrigata. Nel 1963 il Gruppo subirà un altro trasferimento, arrivando a Gioia del Colle, dove tutt’oggi è ubicato.
Il XII Gruppo Volo dal 2007 è dotato del velivolo Eurofighter Typhoon, come gli altri Gruppi Volo di Difesa Aerea: il X e il XII  del 36° Stormo Gioia del Colle, il IX e il 20° ubicati presso il 4° Stormo di Grosseto e il 18° Gruppo Volo del 37° Stormo Trapani. L’evento è iniziato con la deposizione corona ai caduti e ha visto la partecipazione di una rappresentanza di Ufficiali in congedo che appartenevano al XII Gruppo quando era di stanza a Grosseto e personale attualmente in forza al XII Gruppo a Gioa del Colle.

(arc. Lab.foto 4°Stormo-12°Gr.)

VISITA SOTTOSEGRETARIO ALLA DIFESA ANGELO TOFOLO
18 marzo 2019

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo accompagnato dal Capo di Stato Maggiore Alberto Rosso è in visita al 4° Stormo di Grosseto. In occasione della visita sono stati consegnati gli attestati ai piloti abilitati sui velivoli Eurofighter.
“Vi presento gli angeli custodi dei nostri cieli. Uomini e donne coraggiosi che rischiano la vita in nome della Sicurezza Nazionale”, ha detto Tofalo riferendosi ai giovani piloti.

INCONTRO COMANDANTI COMANDO SQUADRA AEREA

Il 20 e 21 marzo, presso il 6° Stormo di Ghedi (BS), il Col. Floreani ha partecipato all’incontro dei Comandanti del Comando Squadra Aerea, denominata “Facciamo Squadra” presieduto dal Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti.

COALIZIONE ANTI DAESH

Il 26 marzo un Eurofighter del 4°e tre del 36° Stormo  sostituiscono gli AM-X, nell’ambito delle operazioni in Kuwait. L’ulteriore impegno in seno alla Coalizione, formatasi nel 2014 per il contrasto al DAESH, rappresenta il primo impiego dell’aereo nel ruolo di ricognitore tattico in operazioni fuori dai confini nazionali.La cerimonia del passaggio di consegne il 26 marzo sulla base di Ahmed Al Jaber (TOA, Transfer Of Authority), è presieduta dal Gen. S.A. Fernando Giancotti. 
La componente del Task Group “Typhoon” comprende personale proveniente da tutte le basi Eurofighter italiane, al quale si aggiunge il supporto di colleghi di altri Stormi ed Enti anche interforze. I quattro Eurofighter saranno impiegati in missioni di ricognizione e sorveglianza aerea (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance – ISR). L’attività dei caccia , che per la prima volta vengono rischierati fuori dai confini nazionali con questi compiti specifici,  andrà ad affiancare a quella degli aeromobili a pilotaggio remoto Predator, sempre per attività ISR, e a quella di rifornimento in volo con il tanker KC-767A, a supporto sia dei velivoli italiani sia di quelli della coalizione.
L’Eurofighter, la cui missione principale è la difesa aerea, grazie ai sensori degli apparati da ricognizione “Reccelite” con cui è equipaggiato sarà in grado di fornire alla coalizione, sia di giorno che di notte, prodotti fotografici ad altissima risoluzione su obiettivi terrestri. Le informazioni ed i contributi raccolti ed inviati in tempo reale a terra vengono poi valorizzati da cellule intelligence specializzate e rese disponibili sotto forma di analisi.
L’italia prende parte alla Coalizione multinazionale contro i terroristi del DAESH operanti in Iraq e Siria. Le forze dei vari Paesi che hanno espresso l’intendimento di aderire alla Coalizione stanno operando ai sensi dell’Art. 51 della Carta dell’ONU, nonché delle Risoluzioni n. 2170 (2014) del 15 agosto 2014 e n. 2178 (2014) del 27 settembre 2014, sulla base della richiesta di soccorso presentata il 20 settembre 2014 dal rappresentante permanente dell’Iraq presso l’ONU al Presidente del Consiglio di Sicurezza.

GIURAMENTO 21°CORSO ALLIEVI MARESCIALLI

Giovedì 4 aprile, presso la Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/Comando Aeroporto di Viterbo, si è tenuta la cerimonia di Giuramento solenne del 21° Corso Normale Allievi Marescialli.
La cerimonia, presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso si è svolta alla presenza del Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare e della 3ª Regione Aerea di Bari, Generale di Divisione Aerea Aurelio Colagrande, delle autorità civili, militari e religiose di Viterbo e della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare.
Particolarmente emozionante è stato il momento del “Lo giuro”, enfatizzato dal sorvolo di una formazione di Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto, così come la lettura della “Preghiera dell’Aviatore” e la benedizione del gagliardetto del corso. 

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

ROMANIA – AIR POLICING 2019

Il simbolico sorvolo di tre caccia intercettori Eurofighter italiani e tre Mig-21 rumeni della base aerea di Mihail Kogalniceanu, a pochi chilometri da Costanza, ha sancito il raggiungimento della Full Operational Capability (FOC) della Task Force Air 4th Wing pronta da oggi a contribuire alla sicurezza dei cieli della Romania nell’ambito delle operazioni di Enhanced Air Policing. La missione della TFA 4th Wing ha come obiettivo quello di concorrere all’integrità dello spazio aereo della Romania, rafforzando l’attività di sorveglianza normalmente svolta dai Mi-21 della Forṱele  Aeriene Romậne, con un dispositivo di difesa integrato con i velivoli Eurofighter, provenienti dal 4°, 36° e 37° Stormo dell’Aeronautica Militare.maggio
L’attività della Task Force Air consentirà, inoltre, di condurre attività operative finalizzate a rafforzare la cooperazione e quindi l’interoperabilità tra gli assetti nazionali e quelli della Host Nation (HN), nonché dei contingenti alleati presenti nell’area d’interesse, in analogia a quanto già perseguito dall’Aeronautica Militare italiana in Islanda, in Bulgaria, nei Paesi Baltici.
Alla cerimonia, presieduta dal Ministro della Difesa rumena Gabriel Beniamin Les e dal Capo di Stato Maggiore della forza aerea Rumena Gen. Viorel Pana, hanno partecipato l’Ambasciatore d’Italia in Romania, dott. Marco Giungi, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore della Difesa, accompagnato dal Comandante la Squadra Aerea, Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti.
Il contingente  è guidato dal Col. A.Fazi, un ufficiale esperto che ha anche partecipato a missioni di poliza aerea in Bulgaria.
Fonte Ten. Orsola Santoro

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

VISITA D’ISTRUZIONE  DELL’ASSOCIAZIONE 4°STORMO GORIZIA

Il 9 maggio l’Associazione 4°Stormo Gorizia è in visita d’istruzione al 4° Stormo Caccia. Accompagnati dal personale della base, i soci hanno potuto seguire da vicino le articolate attività del Reparto. 

(arc.Associazione)

LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA BARRIERA D’ARRESTO DELLA PISTA

Martedi 14 maggio 2019 i vigili del fuoco di Grosseto assieme al personale del 4° Stormo, effetuano lavori di sistemzaione della barriera d’arresto mettendo a disposizione una speciale gru e del personale qualificato. Le barriere di arresto sono state rimosse e, successivamente, sostituite.

ESERCITAZIONE JOINT STARS 2019

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

Dal 13 al 31 maggio, Eurofighter del 4°, 36° e 37°Stormo decollati dalle proprie basi hanno partecipato all’esercitazione Joint Stars 2019 (JS19), la più importante esercitazione della Difesa, organizzata e gestita direttamente dallo Stato Maggiore della Difesa, per il tramite del suo “braccio operativo”, il Comando Operativo di Vertice Interforze (COI). Nel corso dell’esercitazione sono stati rischierati nelle aree addestrative della Sardegna oltre 2000 militari provenienti da tutte le Forze Armate, 25 tra velivoli ed elicotteri, decine di mezzi terrestri, navali ed anfibi. Sono stati impegnati tutti gli assetti dell’Aeronautica Militare che, oltre ad essere rischierati prevalentemente sull’aeroporto militare di Decimomannu, come i Tornado, gli AMX, i T346, il P72 e gli elicotteri HH139 ed HH101, hanno operato anche dalle proprie basi di appartenenza
In particolare dalla 46^ Brigata Aerea hanno operato i C130J e i C27J per trasporto personale e materiale, attività di aviolancio forze speciali e trasporto sanitario in bio-contenimento, dal 14° Stormo il KC767 per le operazioni di rifornimento in volo  ed il CAEW per le attività di sorveglianza aerea, comando e controllo, dal 32° Stormo i velivoli a pilotaggio  remoto “Predator”. Vi hanno partecipato anche gli F35 rischierati sulla base aerea del 37°Stormo.

CONCERTO 2 GIUGNO 2019

Il 2 giugno in occasione della Festa della Repubblica, la Società Filarmonica di Grosseto tiene presso il 4° Stormo un concerto. L’ orchestra composta da quaranta musicisti, ha suonato diversi brani tra i quali il “Silenzio” eseguito a due trombe da Mauro Mancianti e il maestro Makarovic.
Per Mancianti è stato un ritorno a “casa” in quanto ex Presidente dei sottufficiali del 4° Stormo.
Per l’ esecuzione dell’ Inno Nazionale, agli orchestrali della Filarmonica si sono aggiunti un gruppo di giovani e giovanissimi musicisti.

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

ESERCITAZIONE ASTRAL KNIGHT 2019

Dal 3 al 6 giugno, sul sedime aeroportuale di Aviano, si svolge l’esercitazione “Joint and Multinational” denominata Astral Knight 2019 a guida US Air Force in Europe (USAFE), che ha come tema la difesa aerea integrata con lo scopo di incrementare le capacità di comando, controllo e coordinamento.
L’Aeronautica Militare partecipa con i caccia F-35 del 32° Stormo di Amendola, 1 Eurofighter del 4° Stormo, 1 Eurofighter del 36° Stormo e 2 Eurofighter del 37° Stormo – tutti rischierati presso il 51° Stormo di Istrana dove hanno ricevuto il necessario supporto tecnico-logistico -, nonché con un velivolo G-550 (CAEW) del 14° Stormo di Pratica di Mare.
La USAFE partecipa con caccia F-16 del 31st Fighter Wing (FW), F-35s del 388th Fighter Wing e 419th Fighter Wing, KC-135s del 100th Air Refueling Wing, 507th Air Refueling Wing e 931st Air Refueling Wing, KC-10s del 514th Air Refueling Wing ed E-3s del 505th Air Control Wing. Gli Stati Uniti schierano anche il sistema missilistico Patriot del 10th Army Air and Missile Defense Command, che opera dal porto di Koper con il supporto di una componente di militari Sloveni. La Croazia partecipa con MiG-21s. 

ROMANIA – TERMINA L’ AIR POLICING 2019 

Con il decollo verso l’Italia dei quattro Eurofighter, si è conclusa ufficialmente il giorno 17 Agosto l’operazione denominata Black Shield, condotta dalla Task Force Air 4th Wing nell’ambito della missione di “Enhanced Air Policing” della NATO, presso la base aerea di Mihail Kogalniceanu, vicino Costanza in Romania.
Il termine è stato formalmente celebrato con la cerimonia di saluto da parte delle autorità rumene, svoltasi la settimana scorsa alla presenza del Sottocapo di Stato Maggiore della Fortele Aeriene Romane, Major General Constantin Dobre e del Comandante della Squadra Aerea, Generale S.A. Gianni Candotti, in rappresentanza della Difesa italiana. Nel corso dell’evento, i discorsi delle autorità hanno  più volte enfatizzato il forte legame e la grande amicizia promossa ed instaurata tra il personale italiano e quello rumeno, una sinergia che ha permesso di raggiungere brillanti risultati per entrambe le nazioni. In particolare, il Gen. Candotti ha evidenziato come missioni quali l’operazione “Black Shield” rappresentino “un momento prezioso, di grande crescita professionale per il personale che vi è impegnato anche in vista dei futuri impegni che attendono la nostra Forza Armata”

ESERCITAZIONE COBRA WARRIOR 2019

Dal 1° al 20 settembre, due piloti “Weapon Instructor” del 4° e 36° Stormo, insieme a personale logistico, operativo e manutentore del 4°, 36°, 37° e 51° Stormo, sono stati impegnati nell’esercitazione Cobra Warrior, organizzata presso la Base inglese della RAF di Waddington.
L’esercitazione, alla quale l’Aeronautica Militare ha partecipato per il secondo anno consecutivo, ha consentito al personale partecipante di essere coinvolto nella pianificazione e condotta di missioni di volo effettuate in uno scenario avanzato e complesso, ed ha avuto come obiettivo principale la conclusione dell’iter formativo per diventare “Istruttore Tiro e Tattiche”.
Tutte le missioni alle quali gli Eurofighter italiani hanno partecipato sono state condotte congiuntamente ad altri velivoli Eurofighter, un velivolo A310 MRTT tedesco, gli F-15 C/D Eagle israeliani ed il B-52 Starfosset della USAF. I padroni di casa invece hanno partecipato alle attività di volo con velivoli Eurofighter provenienti dalla base di Coningsby, gli F-35B provenienti dalla base di Marham e con gli assetti ISR (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance) quali R1 Sentinel, MQ-9 Reaper, RC-135 Rivet Joint ed il E3D Sentry AEW1.
I piloti italiani, a seconda della configurazione del velivolo da combattimento (Aria-Aria o Aria-Suolo), hanno svolto ruoli di Controllo dello Spazio Aereo e di Attacco al Suolo. Inoltre per la prima volta un Weapon Instructor italiano ha operato come Mission Commander, attuando come coordinatore di tutti gli assetti impiegati durante la missione. In particolare, è stato simulata l’infiltrazione di un elicottero all’interno dello spazio aereo nemico con il conseguente sbarco di truppe di terra.
La “Cobra Warrior 2019”, che costituisce un’unica opportunità per confrontarsi con nazioni anche non appartenenti all’Alleanza, ha rappresentato un significativo momento addestrativo che ha permesso al personale di affinare tattiche e procedure tra le varie Nazioni della NATO, così come di agevolare l’integrazione e l’interoperabilità tra velivoli di quarta e quinta generazione e di stimolare la nascita di forti legami di amicizia e di collaborazione tra le nazioni partecipanti.
Nell’ambito del settore della manutenzione infine, oltre a garantire un’efficienza del 100% per i velivoli italiani rischierati, il personale specialista coinvolto nell’esercitazione ha operato in sinergia con i tecnici e gli specialisti tedeschi della linea Eurofighter. Alcune missioni di volo infatti, ai fini dell’attività manutentiva pre e post-missione, sono state inserite all’interno del programma ETIP (Eurofighter Typhoon Interoperability Programme) e coordinate dall’EAG (European Air Group) proprio per individuare le procedure operative standard da adottare tra le nazioni europee. 
Fonte Ten. Alessio Fausto

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

ADDESTRAMENTO GUERRA ELETTRONICA

Dal 4 al 19 ottobre Eurofighter del 4°, 36°e 37°Stormo assieme a quattro AMX del 51°Stormo, partecipano presso il Poligono di Guerra Elettronica di Neuburg (Germania)all’addestramento che ha per fine di praticare e consolidare le tattiche di Guerra Elettronica (G.E.). In un’ottica di valorizzazione e razionalizzazione delle risorse, il 51°Stormo è stato incaricato di gestire l’intera organizzazione dell’operazione e supportare anche gli Eurofighter, sebbene questi si addestrino in missioni disgiunte da quelle volate dagli AMX. 
L’esercitazione, nel suo complesso, ha contribuito fattivamente alla standardizzazione ed al consolidamento delle procedure operative da attuare in ambito di Guerra Elettronica. Grazie ad essa, il 51° ha potuto conseguire un’importante dato statistico dal momento che si è posta come prima esercitazione della linea Eurofighter dove hanno partecipato anche velivoli assegnati alla Base Aerea trevigiana in dotazione al 132°Gruppo di Volo.

SORVOLO AUTODROMO DEL MUGELLO

Il 27 ottobre due Eurofighter del 4°Stormo in occasione del finale Ferrari 2019,  sorvolano il rettilineo della pista principale dell’autodromo del Mugello.

(arc. Lab.foto 4°Stormo)

ESERCITAZIONE BLUE FLAG 2019

Dal 2 al 14 novembre sull’ aeroporto militare di Ovda (Israele), si svolge l’ Esercitazione Internazionale Blue Flag 2019 organizzata dalla Israeli Air Force (IAF).
L’esercitazione si svolge su base biennale e quest’anno ha visto la partecipazione per la prima volta di quattro F-35 del 32° Stormo di Amendola, di quattro Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto, del 36° Stormo di Gioia del Colle, del 37° Stormo di Trapani e di un CAEW del 14° Stormo di Pratica di Mare oltre a circa 200 militari tra piloti, personale tecnico e logistico.
All’esercitazione, oltre agli asseti israeliani ed italiani, hanno preso parte anche le Forze Aeree di USA, Germania e Grecia.
L’obiettivo dell’esercitazione è stato quello di addestrarsi in uno scenario complesso, conducendo principalmente missioni “COMposite Air Operation” (COMAO) che hanno previsto attività di volo a bassa e bassissima quota (BBQ) operativa. Sono state testate inoltre diverse tattiche e manovre evasive contro i sistemi Surface Air Missile (SAM) che hanno previsto l’impiego di diverse contromisure tipo chaffs and flares.
Nella quarta edizione dell’esercitazione BF19 si è inoltre perseguita l’integrazione tra assetti di 4ª e 5ª generazione delle diverse nazionalità e in scenari di missioni complesse. 

(arc. Lab. Foto 4°Stormo)

Il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, ha visitato il contingente italiano in occasione del Distinguished Visitors Day: “il ritorno addestrativo per i nostri equipaggi è stato elevatissimo” ha dichiarato nell’occasione “ma più di tutto questa esercitazione dimostra la capacità logistica di proiezione dell’Aeronautica Militare. Gli F-35 si sono infatti rischierati, in un brevissimo lasso di tempo, direttamente dall’Islanda (dove hanno operato al servizio della NATO per proteggere lo spazio aereo dell’Alleanza Atlantica) grazie all’alto livello di professionalità raggiunto dal team manutentivo e all’efficacia della componente logistica. Operiamo al meglio anche in condizioni climatiche avverse e a migliaia di km dalla home base”.

ESERCITAZIONE RECOVERY WEEK 19 – 01

Dal 19 al 28 novembre cinque Eurofighter del 4°,36°, 37°e 51°Stormo, due elicotteri HH-139A del 82° Centro e del 83° Gruppo Combat SAR, un velivolo CAEW del 14°Stormo, Fucilieri dell’Aria e Incursori del 9° e 17°Stormo, partecipano all’Esercitazione Personnel Recovery Week 2019. L’esercitazione si svolge nella Sicilia occidentale e prevede missioni di recupero di personale rimasto isolato in area di crisi, in ambienti interforze ed internazionali.
Nello specifico,  “PR-Week 19-01” si è posta l’obiettivo di consolidare ed ampliare le capacità Personnel Recovery (PR) e l’integrazione tra i velivoli ad ala fissa e quelli ad ala rotante, sia con le forze di estrazione, sia con i sistemi di comando e controllo aerotrasportati.

XMAS IN THE AIR

Il 15 dicembre sull’aeroporto di Grosseto in collaborazione con il 4°Stormo, si tiene il “XMAS in the air” organizzato dall’Alfa Race Project. 

(arc.Alfa Rece)

IL COMANDANTE DEL 4°STORMO COL. FLOREANI INCONTRA IL SINDACO DI GORIZIA

Il 18 dicembre 2019, per iniziativa dell’Associazione 4°Stormo Gorizia in collaborazione con la locale A.A.A., il Comandante del 4°Stormo Col. Urbano Floreani incontra in municipio a Gorizia il sindaco Rodolfo Ziberna. Durante il colloquio, Ziberna  ha ribadito il legame affettivo della città al reparto riconoscendo la capacità e professionalità dei suoi uomini. Il Col. Floreani dopo aver portato il saluto della città di Grosseto gemellata con Gorizia dal 1981, ha ricordato il ruolo determinante che ha avuto Gorizia per la storia del Quarto dimostrando nel contempo vivo interesse per la città. Ha poi riconosciuto il ruolo fondamentale dell’Associazione 4°Stormo e dell’AAA di Gorizia nell’essere “….i nostri custodi dei luoghi sacri del Nostro glorioso Reparto”