INCIDENTE ANDREA FAVRETTO

Il 24 gennaio 1957 il Ten. Andrea Favretto in volo con la pattuglia acrobatica dell’o stormo’ aerobrigata, a bassa quota, sulla tenuta di Castel Porziano a circa 200 metri di quota, si scontra con un grosso volatile che frantuma il tettuccio dell’ F-86 colpendo anche il caso del pilota. Favretto riesce a rientrare incolume.

INCIDENTE CAP. BARRA

Il 31 gennaio al Cap. Barra in volo di addestramento a 31.000 piedi con un F-86 esplode il tettuccio. Il pilota riesce ad atterrare incolume.

INCIDENTE SERG. EDDO TURRA

Il 7 febbraio il Serg. Eddo Turra in volo sulla zona di Sabaudia come gregario della pattuglia acrobatica dell’ aerobrigata, durante una manovra a 1.000 piedi, 430 Kts e 2G accusa la rottura della ganascia di attacco del serbatoio supplementare sinistro che urta contro il flap e il pannello inferiore di fusoliera in prossimità degli aerofoni provocando lievi danni. Il pilota atterra regolarmente.

INCIDENTE S.TEN. GIULIANO MONTINARI

Il 10 marzo il Cap. Zapelloni porta la sua coppia in apertura per l’ atterraggio a 1.500 piedi quando il suo gregario, S.Ten. Giuliano Montinari nel ridurre motore incorre nello spegnimento della fiamma e, non reputando opportuno tentare di entrare ugualmente in pista, atterra fuori campo sul prato con carrello estratto. Cede solo il ruotino anteriore e il Sabre striscia sul muso fermandosi contro la sponda di un fossato. Il pilota resta incolume.

INCIDENTE MECHELLI

Il 21 marzo Mechelli dopo un volo con F-51D dell’ RSV sull’ aeroporto di Guidonia, si scontra con un’ autoambulanza riportando danni entrambi i mezzi.

CESSIONE VELIVOLI P.148, F-51, C-45

In aprile vengono ceduti i quattro P.148 in servizio all’ aerobrigata.
Anche l’ unico F-51 rimasto in linea viene ceduto alla Scuola di Volo di Elmas.
Il 7 giugno uno dei due C-45 viene versato ad altro reparto.

ESERCITAZIONE INTERALLATA ROSIE – ROSIE

Il 26 giugno il Serg. Alcide Dal Maso, è gregario di una coppia di F-86 decollato da Amendola, in volo a 50 miglia a sud di Punta Campanella per un’ esercitazione interalleata inizia la manovra di intercettazione di due F-9F Cougar decollati dalla portaerei statunitense Forrestal. Quando sono in coda ai Cougar vengono avvisati dal guidacaccia di avere due Cougar in coda. I due Cougar sono anche’ essi diretti ad intercettare i primi due Cougar ma non ricevono dalla Forrestal comunicazione della presenza dei due F-86. Così entrambe la coppie di intercettori si trovano in curva di caccia contro il bersaglio senza vedersi tra di loro.. Si avvicinano pericolosamente e il capocoppia dei Cougara investe il gregario dei due F-86, il cui velivolo esplode con la morte di Dal Maso.

VISITA CAPO DI STATO MAGGIORE GENERALE DELLE FORZE ARMATE SPAGNOLE

In giugno è in visita all’ aerobrigata il Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate Spagnole.

OPERAZIONE OSTRO 2°

Sempre in giugno inizia l’ Operazione Ostro 2° che prevede dal 1° luglio il rischiaramento temporaneo del reparto di volo (IX e 12° Gruppo) sull’ aeroporto di Fiumicino per consentire lavori sulla pista di Pratica di Mare.
Durante lo stesso mese il X Gruppo svolge a Brindisi un ciclo di tiri reali presso il CAT e al termine raggiunge gli altri due gruppi a Fiumicino.
I reparti rientreranno a Pratica il 6 novembre dello stesso anno.

INCIDENTE CAP. BELLUCCI

I piloti del X Gruppo si trovano a Brindisi per un ciclo di tiri reali presso il CAT. Durante una missione di tiro reale aria – terra sul Poligono della Contessa il Cap. Bellucci ha uno spegnimento del motore dell’ F-86 e tenta invano la rimessa in moto, assistito via radio dal capoformazione Ten. Lucarelli istruttore di tiro. Il Cap. Bellucci tenta un atterraggio forzato sulla pianura sottostante, libera da alberi con flap, aerofoni e carrello retratti. Il velivolo striscia sul terreno incontrando un grosso masso seminterrato. Immediatamente soccorso e portato all’ ospedale, muore poco dopo.

CAMBIO COMANDO 4^ AEROBRIGATA

15 luglio 1957 il Col. Pil. Corrado Santoro cede il comando della 4^ Aerobrigata al COL. PIL. BRUNO ZAVADLAL

30 COL ZAVADLAL BRUNO 15/07/1957 – 14/10/1957

SCORTA ALL’ AEREO PRESIDENZIALE

ll 7 settembre 1957 due pattuglie del X Gruppo scortano l’ aereo del Presidente della Repubblica On. Giovanni Gronchi diretto da Fiumicino a Brindisi, ripetendo la missione nel volo di rientro.

INCIDENTE SERG. VINCENZO PORPORA

Il 9 ottobre il Serg. Vincenzo Porpora atterra con un F-86 con carrello retratto, toccando la pista con i serbatoi esterni che vengono strappati e strisciando con la parte inferiore della fusoliera. Il pilota rimane incolume.

INCIDENTE S.TEN. GIORGIO GALLO

Sempre il 9 ottobre il S.Ten. Giorgio Gallo in atterraggio subisce lo scoppio di un pneumatico per eccessivo uso dei freni e blocco di una ruota per surriscaldamento


CAMBIO COMANDO 4^ AEROBRIGATA

14 ottobre 1957 il Col. Pil. Bruno Zavadlal cede il comando della 4^ Aerobrigata al COL. PIL. EMANUELE ANNONI

31 COL ANNONI EMANUELE 14/10/1957 – 16/10/1959

TERMINA L’ OPERAZIONE OSTRO 2°

Il 6 novembre, termina l’ Operazione Ostro 2°, il reparto volo dell’ aerobrigata riprende l’ attività sulla base di Pratica di Mare.

PROVA IN VOLO

Il 26 novembre Duma decolla per provare in volo un velivolo che e’ stato revisionato: le prove prevedono il superamento della barriera del suono. Nell’ affondata da 40.000 piedi il Duma nota un sobbalzo del velivolo che non aveva avvertito altre volte, anche l’ uscita dall’ affondata risulta più lunga nonostante i parametri di volo già altre volte adottati. Una volta a terra si appura la mancanza della superficie mobile del piano di profondità sinistro causata probabilmente durante l’ affondo e il superamento di Mach 1.

ATTIVITA’DI VOLO SVOLTA NEL1957
Totale ore volate dall’ Aerobrigata 17.355 ore e 30 delle quali:
15.088 ore e 10 su F-86E
1494 ore e 55 su T-33
754 ore e 40 su C-45 e P.148 per collegamenti, trasporto personale e materiali.

Attività su F-86 e T-33:
943 ore e50 per transizione sul nuovo velivolo
4783 ore e 55 per voli in formazione normale, acrobatica e tattica compreso l’ addestramento al combattimento aereo
1655 ore per tiri reali
436 ore e 10 per tiri in bianco
3185 ore per volo strumentale
1394 ore per avvicinamenti CGA
1150 ore e 15 per navigazione diurna
2783 ore e 05 per addestramento all’ intercettazione comprese esercitazioni di difesa aerea
128 ore e 55 per cooperazione terrestre
146 ore e 30 per cooperazione navale
626 ore e 20 di esercitazione sul link trainer